Nel 2009, Isabel Draves ha creato la L.I.S.A., un’organizzazione che aggrega artisti che utilizzano la tecnologia in modo originale nel loro lavoro. Ha iniziato ospitando una serie di incontri mensili su temi legati alla convergenza di arte e tecnologia. Il successo di questi eventi la spinse a pensare di organizzare una conferenza di un giorno intero per mostrare i lavori degli artisti e farli conoscere al grande pubblico. Per verificare la fattibilità dell’idea e per generare fondi per start-up Draves aprì una campagna su Kickstarter che ha raccolto 18.000 dollari e ha avuto circa 200 sostenitori. Dopo aver concluso la campagna con successo Isabel si è resa conto che il crowdfunding gli aveva insegnato una cosa molto importante.

 “È un po’ come un cartellone pubblicitario gratuito che ti permette di mostrare ciò che hai pensato. Ma questo non significa che non c’è ancora un sacco di lavoro da fare!”

Per Draves, il lavoro è iniziato circa un anno prima di aprire la campagna, sviluppando un programma dettagliato di quello che voleva fare per dare fiducia ai potenziali donatori.

“Hai bisogno di mostrare alle persone che cosa stanno comprando. È necessario essere preparati a produrre e realizzare precisamente quello che hanno comprato. Penso che a volte le persone sottovalutino la quantità di lavoro necessario per fare tutto questo.”

evento

Il fattore vincente era la chiara comprensione del suo pubblico potenziale. Conoscere il proprio pubblico è ciò che conta ed è il primo passo nello sviluppo di una campagna di successo. C’è bisogno di una strategia di contenuti, dando alle persone informazioni preziose in modo che quando è il momento di costruire un evento la vedano come una fonte di valore. Draves ha anche imparato una lezione preziosa: il tempismo è tutto. L’artista aveva programmato la sua campagna per chiudere a metà settembre 2012, il che significa che in quel periodo avrebbe dato una spinta fondamentale per le donazioni, mentre molte persone, però, erano in vacanza per il Labor Day del 5 settembre. Ha, quindi, spostato la campagna ad un mese dopo e il suo sforzo ha funzionato.

Nel 2013 Draves ha creato una seconda campagna Kickstarter, ma con una strategia diversa.

 “Ho usato Kickstarter come veicolo per la raccolta di fondi e la vendita dei biglietti, e non come un modo per capire se aveva senso o meno fare l’evento.”

Per gli eventi esistenti il crowdfunding può essere un modo efficace per finanziare un aspetto specifico.
Infine è importante ricordare che l’obiettivo monetario non può essere cambiato una volta che la campagna è iniziata, così i pianificatori hanno bisogno di capire esattamente quanti soldi servono per il loro evento. Alcuni impostano un traguardo troppo basso, altri troppo alto e, in entrambi i casi, si rischia di fallire. Se è troppo basso si può raggiungere l’obiettivo, in questo caso il rischio è creare l’evento che volevamo solo in parte, se troppo alto si rischia di non raggiungerlo.

Lascia un commento