Crowdfunding: le guide più cool!

Volete saperne di più sul crowdfunding? Siete dei lettori appassionati, dei critici attenti e per prendere decisioni non muovete un passo  prima di esservi documentati a sufficienza? Bene, quanto segue potrebbe fare al caso vostro!

Oggi presentiamo alcuni libri sull’universo del crowdfunding, che sono considerati da molti un passo irrinunciabile per chiunque voglia affacciarsi a questo mondo di opportunità.

 

  • Crowdfunding. Dai sogni ai soldi. Come finanziare il tuo progettodownload evitando le banche. (Flavio Troisi, Alberto giusti), 2014, Anteprima Edizioni

Questo libro, caratterizzato da scorrevolezza e semplicità ed  nel comunicare i punti di forza del crowdfunding  soprattutto da una prospettiva italiana, è una vivace, attuale e documentata analisi sul fenomeno crowdfunding.

“Come funziona questo «metodo di finanziamento collettivo» che connette passioni e risorse e può migliorare la vita di chiunque sia attivo online (professionisti, piccole e medie imprese, creativi, inventori, innovatori, organismi no profit, artisti, artigiani, enti pubblici)? Quali sono i suoi principi e le sue regole? Quali adempimenti richiede? A chi è opportuno rivolgersi? Quali sono gli errori da evitare? E quali, invece, i rischi che vale la pena correre?  Troisi e Giusti hanno scritto un manuale di grande attualità, agile e documentato, ricco di informazioni e di dati: una guida utile per chiunque non voglia rinunciare ai propri sogni e alle proprie passioni. Come scrive  Simone Perotti – autore del saggio “Adesso basta” – nella prefazione del volume, “il crowdfunding spalanca definitivamente le porte all’era delle possibilità. Reso fattibile dai social network e dalla comunicazione globale interconnessa, il crowdfunding è democratico, libero, meritocratico. Ogni progetto che nasce ha le stesse chances di qualunque altro di essere finanziato, di crescere, di realizzarsi. Purché sia sensato, sia in grado di interessare qualcuno, venga comunicato bene, trovi degli appassionati. […] Oggi, con poco denaro, qualche buona idea, facce vere che le rappresentano, nessun prestanome, nessuna società segreta, e senza commettere alcun reato, si può andare lontano”.  Interessanti e divertenti le storie di crowdfunding di successo raccontate nel libro”

download (2)

  • Il manuale del Crowdfunding. Ovvero come realizzare le tue idee grazie ai nuovi strumenti di finanziamento online (Alessandro Brunello), 2014, LSWR edizioni

Consigliato a tutti coloro che si avvicinano al crowdfunding per la prima volta; il libro elabora un’esaustiva prospettiva sul mondo del crowdfunding e sulle sue potenzialità per i progetti e idee più disparati.

“Il crowdfunding è oggi in crescita verticale in tutto il mondo e anche in Italia si moltiplicano le piattaforme e i progetti, mentre una legge all’avanguardia ha disciplinato il crowdfunding per il finanziamento delle start-up tecnologiche. Lo scopo di questo libro, il primo manuale in italiano sull’argomento, è fornire al lettore tutti gli strumenti operativi per lanciare una campagna di crowdfunding efficace e realizzare progetti di qualsiasi tipo, dal restauro di un dipinto al reportage giornalistico, dalla produzione di un film al finanziamento di una campagna elettorale.”

 

Segnaliamo, inoltre, per chi mastica inglese:

  • The Crowdfunding Bible: how to raise money for any startup, video game or  project”. Scott Steinberg, 2o12, READ.ME edizioni

cover

Attualmente la guida più scaricata sul portale di e-commerce Amazon, rappresenta una pietra miliare della bibliografia sul crowdfunding. Ricco di consigli preziosi, storie di successo (e non), interviste con gli autori e i progettisti delle campagne più strabilianti di sempre. Contiene inoltre guide complete su come promuovere ogni tipo di progetto, consigli su pubbliche relazione e strategie ottimali  sui social media, e su come mantenere vivo il contatto con i supporter dopo la fine del progetto. Scaricabile gratis in formatoKindle.

Crowdfunding: non solo storie di successo

Il crowdfunding ha aiutato ad ottenere fondi per sequel di un film di culto e ha permesso ad un uomo di realizzare il suo sogno permettendogli di creare un lanciafiamme e metterlo nel mercato. E questo solo nell’ultima settimana.

Da questo punto di vista il crowdfunding può essere definito come la “democratizzazione della filantropia”, tutto sembra possibile, ma ci sono pro e contro, come d’altronde in tutte le attività umane.

Questo è ciò che dovete sapere prima di saltare sul carro del crowdfunding. Se seguite questo blog saprete che la premessa fondamentale è prendere un’idea, promuoverla e cercare sostenitori che vi aiutino a realizzarla. Il crowdfunding è così popolare che solo lo scorso anno è cresciuto di 5.1 miliardi di dollari.

crowdfunding

Uno dei problemi che maggiormente preoccupa gli esperti è la trasparenza dei progettisti. In molti stanno studiando dei principi fondamentali che tutelino gli investitori se il progetto va male, se ci sono ritardi nella realizzazione o se non viene spedito il prodotto all’estero ai sostenitori stranieri.

I donatori hanno il diritto di essere informato dell’obiettivo e dell’identità di chi promuove il progetto, devono essere sicuri che le donazioni saranno utilizzate per gli scopi per cui sono state date e devono essere certi che le informazioni sulle loro donazioni siano tutelate. A volte i progettisti fanno molte promesse ai donatori ma, una volta ricevuto il denaro, gli aggiornamenti si fermano.

Cosa funziona e cosa no? È difficile sapere esattamente che cosa funziona e cosa non funziona. Abbiamo elencato in un precedente articolo i progetti di maggior successo dell’ultimo anno ma molti altre idee falliscono e non vengono finanziate. Ci sono una serie di cose che rendono le persone propense a donare e altre che le allontanano. È ormai certo che alle persone non piace è la mancanza di connessione personale. Una seconda cosa ormai chiara è che è più difficile ottenere denaro per un progetto che ancora deve partire e che se le ruote sono già in movimento vi è un senso di appartenenza che guida le persone a donare.

Otto motivi per lanciare il vostro progetto in crowdfunding

Molti di voi si chiederanno: “Perché dovrei promuovere in crowdfunding il mio progetto?

Certo, se leggete questo blog probabilmente avete già deciso di lanciare, prima o poi, una campagna di crowdfunding. Ma è stato davvero utile per me per fare un passo indietro per guardare perché ho sempre scelto di crowdfund nostri prodotti.
Oltre ai utili consigli che potete trovare qui, di seguito ho incluso una lista di 10 per cui poter pensare a questo strumento e una, più breve, per cui, forse, conviene guardare altrove.crowdfunding

I 10 motivi per lanciare un prodotto tramite crowdfunding:

  • Costruire una comunità: il crowdfunding permette alle persone di costruire una comunità attorno alle loro creazioni. Questo può portare a maggiore successo nel lungo periodo.
  • Studiare la domanda: non si sa come il pubblico riponderà al nostro progetto. Non c’è modo migliore per scoprirlo senza fare rischiosi investimenti.
  • Basso rischio finanziario: se avete bisogno di raccogliere molti soldi per creare qualcosa di nuovo, piuttosto che prendere un prestito o fare un investimento rischioso, il crowdfunding fornisce un modo per raccogliere fondi senza rinunciare al proprio obiettivo di finanziamento, aiutando i progettisti ad evitare situazioni di bancarotta!
  • Accesso diretto ai clienti: Di solito non sappiamo niente  sulle persone che acquistano un prodotto, a meno di non fare dispendiose campagne di customer satisfaction. Con il crowdfunding puoi scoprire molte informazioni su ogni singolo cliente. Questi dati sono incredibilmente utili.
  • Urgenza: il limite temporale di una campagna crea un livello di urgenza che nessun pre-order può replicare.
  • Promozione: una piattaforma di crowdfunding non è un promotore di prodotti, ma molte persone navigano sulle piattaforme per scoprire cose nuove. Potete, quindi, aver accesso a una vasta gamma di persone che altrimenti non avrebbero sentito parlare di voi.
  • E’ molto divertente: costruire una campagna è emozionante, non credo che ci sia qualsiasi altra cosa là fuori di simile. Non fraintendetemi, è estremamente stressante, ma è molto divertente!
  • Migliorare grazie ai sostenitori: il feedback dei sostenitori e di chi supporta il progetto è molto importante e può apportare notevoli miglioramenti alla vosta offerta iniziale. E’ come avere un enorme team di sviluppatori del prodotto.

C’è anche qualche ragione per cui può non valere la pena lanciare un progetto:

  • Stai solo cercando di vendere un prodotto già esistente.
  • Non hai già una piccola comunità: è necessario il sostegno di persone che credono in te dal gprimo giorno!
  • La vostra motivazione principale è quello di fare soldi: non c’è niente di sbagliato nel fare soldi tramite il crowdfunding ma se è la vostra unica motivazione difficilmente verrete finanziati.

 

Il crowdfunding non è sinonimo di soldi facili

Il Crowdfunding è diventato, anche in Italia, un tema caldo sia per gli imprenditori che per le singole persone. Che si tratti di un individuo alla disperata ricerca del perfetto modo per rappresentare graficamente la bontà di un burrito o di responsabili di importanti aziende, tutti sembrano cimentarsi con questo nuovo strumento.

Oggi stiamo forsecrowdfunding vivendo quella fase in cui il crowdfunding sta pian piano diventando onnipresente, un po’ come per i social media nel primo decennio del XXI secolo. Questo però non significa che è un modo per fare soldi facili! Per portare avanti una campagna ci vuole il giusto impegno. Molta gente sottovaluta quanto sia difficile e si limita a pensare “Oh, mi limiterò a lanciare il mio progetto e tutti mi troveranno!”

A questo punto vi chiederete: quali sono gli errori più comune vengono fatti nel far partire una campagna?

In molti spendono tempo e soldi per video che parlano in modo troppo impersonale del proprio progetto. E ‘importante avere una pagina ben progettato certo, ma la gente vuole anche vedere l’autenticità e sentire la storia che sta dietro a ciò che si sta facendo. Non importa che il vostro video sembri un trailer di Hollywood!

Un’altra cosa che in molti sbagliano è la poca trasparenza. È neccessario definire chiaramente come e quando si realizzerà il progetto e come verrà speso il denaro. In poche parole, definire un calendario preciso e realistico dei passi che compongono il progetto.

Se volete qualche consiglio in più leggete questo articolo o consultate la nostra guida!

Esiste la “formula segreta” per un progetto di successo?

Uno degli ingredienti più importanti della ricetta per il successo in crowdfunding è la pagina del progetto. Non c’è motivo di spendere tempo, denaro e sforzi se la pagina non è costruita bene.

Il sito Crowdfund Productions ha studiato i primi dieci progetti più finanziati in ciascuna delle quindici cateCrowdfund-Productionsgorie di Kickstarter per determinare se hanno in comune una “formula segreta” che ha convinto i visitatori della pagina a diventare sostenitori.

È interessante notare che vi è una grande differenza tra le varie pagine. Ecco un breve riassunto di alcuni dei numeri più interessanti della ricerca:

  • Le ricompense con più successo erano di 5 dollari o meno per 11 campagne, mentre dodici progetti hanno ricevuto il maggior numero di sostenitori per premi di oltre $ 200.
  • Il numero di immagini nella descrizione del progetto oscilla da 0 a 144.
  • Mentre 39 campagne avevano meno di 1.000 parole nella descrizione, 17 campagne hanno superato le 3.000.
  • La lunghezza media dei video è di circa 3,5 minuti, tranne per la categoria film/video dove è di circa 5 minuti.

Come si nota dai risultati di questo studio, non vi è alcun “segreto” che trasforma i visitatori in sostenitori. Il vostro successo dipende in ultima analisi dalla richiesta per il prodotto e dall’efficacia della vostra strategia di marketing. Noi di Mecenup vi consigliamo di includere le seguenti informazioni nella vostra pagina:

  • Titolo: breve e facile da ricordare e che include la parola chiave principale.
  • Video: una lunghezza che va da 2,30 miniti ai 3,30.
  • Includere nella descrizione a chi è rivolto il progetto, cioè chi può beneficiarne.
  • La storia dietro il tuo prodotto o l’idea.
  • Quando sostenitori riceveranno la loro ricompensa.
  • Spiegare perché avete bisogno del crowdfunding.
  • Come si intende utilizzare il denaro.
  • Descrizioni le ricompense con immagini.
  • Invitare sempre all’azione nel video e nella descrizione.

Naturalmente, ogni progetto ed ogni categoria è unica. Non abbiate paura di mostrare il vostro entusiasmo e cercate di rendere i vostri sostenitori parte del team: chiedere il loro parere in merito allo sviluppo del progetto e fateli essere fieri dei risultati.